SU AMAZON IN OFFERTA OGGI



Miglior Integratore Vitamina C

La vitamina C, nota anche come acido ascorbico, è un nutriente essenziale che mantiene il corpo funzionante. Si trova negli alimenti e negli integratori alimentari, aiuta in molte funzioni biologiche, tra cui la sintesi del collagene, la guarigione delle ferite e la riparazione e il mantenimento della cartilagine, delle ossa e dei denti. La vitamina C è anche un antiossidante, il che significa che può neutralizzare i radicali liberi che danneggiano le cellule a livello genetico.

IMPORTANTE: sentire sempre il parere del vostro medico prima di assumere qualunque integratore!

La vitamina C è stata usata storicamente per prevenire o trattare lo scorbuto e altre malattie associate alla carenza di vitamina C. Oggi, è ampiamente pubblicizzata come una difesa naturale contro il comune raffreddore.

Buone fonti di vitamina C si trovano nella frutta e nella verdura, soprattutto negli agrumi.

Migliori Integratori di Vitamina C

 

Integratore Vitamina C a cosa serve

Le vitamine, compresa la vitamina C, sono composti organici. Un composto organico è un composto che esiste negli esseri viventi e contiene gli elementi carbonio e ossigeno.

La vitamina C è solubile in acqua e il corpo non lo immagazzina. Per mantenere livelli adeguati di vitamina C, gli esseri umani hanno bisogno di un apporto giornaliero di cibo che lo contiene.

La vitamina C svolge un ruolo importante in una serie di funzioni corporee tra cui la produzione di collagene, L-carnitina e alcuni neurotrasmettitori. Aiuta a metabolizzare le proteine e la sua attività antiossidante può ridurre il rischio di alcuni tumori.

Il collagene, che la vitamina C aiuta a produrre, è il componente principale del tessuto connettivo e la proteina più abbondante nei mammiferi. Tra l’1 e il 2% del tessuto muscolare è collagene. È un componente vitale nei tessuti fibrosi come:

tendini
legamenti
pelle
cornea
cartilagine
ossa
l’intestino
vasi sanguigni

Nel caso della guarigione delle ferite, già nel 1942 le ricerche suggerivano che le ferite impiegavano più tempo a guarire se qualcuno aveva lo scorbuto.

Miglior Integratore Vitamina C Liposomiale

VITAMINA C LIPOSOMIALE - Alto Assorbimento - 180 Capsule, 6 Mesi di Fornitura - Migliora il Sistema Immunitario - Integratore Naturale Alimentare - Acido Ascorbico Puro - Riduce la Stanchezza, Vegan
  • ✔️ VITAMINA C LIPOSOMIALE - Vitamina C Liposomiale di WeightWorld è ideale per chi cerca un integratore ad alto dosaggio di Vitamina C con una biodisponibilità superiore. Gli integratori liposomiali infatti, attraverso una tecnologia innovativa ottimizzano e amplificano l’assorbimento di vitamine, sostanze nutritive e composti bioattivi.
  • ✔️ ALTO DOSAGGIO - 1000 mg di Vitamina C per garantirti l' Apporto ideale giornaliero consigliato. Assumi ogni giorno il nostro integratore di Vitamina C per potenziare il tuo sistema immunitario e per la protezione dallo stress ossidativo.
  • ✔️CONTRIBUISCE ALLA NORMALE FORMAZIONE DEL COLLAGENE - La vitamina C contribuisce alla formazione di collagene per il normale funzionamento di ossa, gengive, pelle e denti Le capsule di vitamina C contengono anche estratto di rosa canina per una biodisponibilità superiore della vitamina C.
  • ✔️ BENESSERE PER TUTTO L'ORGANISMO - questo integratore alimentare a rapido assorbimento è perfetto per chi vuole supportare attivamente tutto l'organismo: la Vitamina C infatti favorisce le normali funzioni di denti, ossa, cartilagine, capelli e pelle proteggendoli dagli agenti esterni e dai danni causati dai radicali liberi
  • ✔️ SEMPLICISSIMO DA UTILIZZARE - ti sarà sufficiente assumere 2 capsule di Vitamina C Liposomiale al giorno con un bicchiere d' acqua . Questo integratore è stato concepito utilizzando soltanto ingredienti di origine vegetale: si integra quindi perfettamente in una dieta vegetariana, vegana, senza lattosio e gluten free.

Perchè scegliere la vitamina c liposomiale?

Liposomi: un metodo rivoluzionario di incapsulamento per una vitamina C naturale con una maggiore efficienza

I liposomi sono vescicole costituite da un doppio strato lipidico, cioè si comportano come “bolle” di lipidi e hanno un diametro che va da 20 nanometri (nm) a pochi micrometri (μm). In confronto, un capello umano possiede un diametro che va da 50 a 100 μm (che equivale a 0,02 a 0,1 mm), il che significa che i liposomi possono essere da 100 a 1.000 volte più piccoli di un capello.

Inizialmente impiegati come modelli di membrane cellulari per testare gli effetti dei farmaci durante gli anni ’60 (le membrane cellulari sono anche a doppio strato lipidico), i liposomi hanno rapidamente dimostrato di essere potenti vettori per fornire sostanze attive, enzimi, agenti antimicrobici. Il loro impiego nell’industria alimentare è più recente, ma sta attirando sempre più l’attenzione e il numero di studi scientifici è in costante aumento.

Una struttura liposomica consiste in un “doppio strato” di lipidi e in un nucleo acquoso, il che è possibile grazie alla natura anfifila dei lipidi. Queste molecole possiedono:

– una testa idrofila, cioè una porzione che ha un’affinità per l’acqua;

– Una coda idrofoba, cioè una porzione che evita l’acqua.

Di conseguenza, quando i lipidi entrano in contatto con l’acqua, si organizzano spontaneamente in modo da ridurre al minimo il contatto tra l’acqua e la coda idrofoba. Ciò si traduce con la formazione di un doppio strato, dove le code idrofobiche si affrontano all’interno del doppio strato e si isolano dal mezzo acquoso circostante. Questa struttura è chiusa e porta all’intrappolamento di un compartimento interno – o nucleo – dove i composti idrosolubili possono essere trasportati. In alternativa, i composti idrofobici possono anche essere incapsulati, nel qual caso queste molecole sono direttamente incorporate nel doppio strato lipidico .

Contrariamente alle proteine, alle vitamine e ad altri nutrienti, i lipidi sono meno influenzati dal passaggio attraverso lo stomaco e dall’azione dei succhi gastrici e degli enzimi. La digestione dei lipidi procede principalmente nell’intestino tenue. Il cambiamento del pH che si verifica nel tratto digestivo non sembra influire sulla stabilità dei liposomi, ma i sali presenti nella bile così come gli enzimi possono disturbare la membrana liposomica. Tuttavia, anche se alcune vescicole perdono la loro integrità e rilasciano il loro contenuto, altri liposomi possono resistere e vengono assorbiti dall’intestino e successivamente trasportati dal sangue. Da lì, i liposomi possono essere distribuiti in tutto il corpo

Poiché le molecole sono concentrate all’interno di ciascun liposoma (rispetto alle molecole libere che vengono diluite nel sangue), l’incapsulamento all’interno dei liposomi permette di erogare una dose più elevata di molecole direttamente all’interno delle cellule.

Infine, i liposomi (e per estensione la vitamina C liposomiale) offrono una biodisponibilità più lunga rispetto alle molecole libere che circolano nell’organismo. Grazie alla loro resistenza all’ambiente gastrointestinale, i liposomi sono in grado di circolare per un periodo di tempo prolungato nel sangue prima della loro escrezione da parte dei reni. Di conseguenza, i trattamenti sono efficaci per un periodo di tempo più lungo, che può essere modulato dalla dimensione dei liposomi, dal tipo di lipidi che formano la loro membrana, o dall’aggiunta di altre molecole direttamente nella o sulla membrana. Queste molecole aggiuntive contribuiscono a rendere le vescicole più resistenti all’azione degli enzimi. Possono anche rendere i liposomi invisibili alle cellule del sistema immunitario (sempre pronti a rimuovere qualsiasi corpo estraneo dall’organismo), una strategia comunemente usata nell’industria farmaceutica.

I vantaggi della vitamina C liposomiale

L’incapsulamento dei nutrienti all’interno dei liposomi è un’eccellente strategia per migliorare la loro biodisponibilità e per garantire che la maggior parte dei nutrienti raggiungano le cellule per un trattamento ottimale. La vitamina C può trarre beneficio da tale incapsulamento (denominato “vitamina C liposomiale”), in particolare perché la natura idrofila di queste molecole facilita la dissoluzione della vitamina C all’interno del nucleo acquoso dei liposomi.

La vitamina C liposomiale offre diversi vantaggi rispetto alla loro controparte tradizionale:

– Protezione della vitamina C dalla degradazione in seguito al passaggio attraverso il tratto gastrointestinale (dai succhi gastrici, dagli enzimi, dal cambiamento del pH, dall’ossidazione, ecc;

– Nessun agente colorante o conservante;

– I liposomi aggirano la tolleranza intestinale e la limitazione della concentrazione di vitamina C nel sangue grazie al loro migliore assorbimento da parte dell’intestino;

– Nessuna diarrea o disturbi digestivi legati ad alte dosi di vitamina C a causa dell’isolamento delle vescicole;

– Migliore distribuzione in tutto il corpo e maggiore concentrazione di liposomi – e quindi di vitamina C – nel sangue rispetto alla vitamina C libera;

– Migliore assorbimento da parte delle cellule grazie alla natura simile delle cellule e della membrana liposomica e alla loro particolare affinità;

– Migliore azione della vitamina C liposomiale a seguito della maggiore concentrazione di vitamina C direttamente rilasciata all’interno delle cellule;

– Maggiore durata dell’azione grazie alla maggiore biodisponibilità dei liposomi, che consente un rilascio di vitamina C per un periodo di tempo più lungo.

In sintesi, la vitamina C liposomiale è la strategia più efficiente per raggiungere l’assorbimento giornaliero raccomandato di vitamina C. L’incapsulamento nei liposomi supera la maggior parte delle sfide che la vitamina C tradizionale deve affrontare e non soffre delle limitazioni dell’iniezione endovenosa.

Per un’efficacia ottimale è necessario utilizzare solo materie prime di altissima qualità. Inoltre, le dimensioni dei liposomi devono essere conformi a standard specifici e le loro caratteristiche devono essere convalidate da test indipendenti.

 

Livelli di vitamina c

Nel 1982, i ricercatori hanno concluso che le ferite, i tagli e le escoriazioni possono guarire più velocemente nelle persone con un maggiore apporto di vitamina C rispetto a quello solitamente disponibile con il cibo. Questo può essere perché la vitamina C contribuisce alla produzione di collagene.

Il ruolo della vitamina C come antiossidante aiuta anche a riparare i tessuti e a ridurre i danni da infiammazione e ossidazione.

Si ritiene che le persone con livelli adeguati di vitamina C siano in grado di combattere meglio le infezioni rispetto alle persone con carenza di vitamina C.

La vitamina C può anche aiutare a prevenire le infezioni respiratorie acute, soprattutto nelle persone con malnutrizione e coloro che sono fisicamente stressati.

I ricercatori hanno anche scoperto che la vitamina C può uccidere i batteri resistenti ai farmaci tubercolosi (TB) in una coltura di laboratorio. Uno studio pubblicato nel 2013 suggerisce che l’aggiunta di vitamina C ai farmaci per la TBC potrebbe accorciare la terapia.

Vitamaze® Vitamina C Pura 1000 mg Alto Dosaggio + Zinco, 180 Compresse Vegan per 6 Mesi, Vitamin C Dose Forte, Qualità Tedesca, Naturale Integratore Alimentare senza Additivi non Necessari
  • ALTO-DOSAGGIO: 180 compresse vegane con 1000 mg di vitamina C, rifinita con bioflavonoidi dall’estratto naturale di arancia amara e di rosa canina e 10 mg di zinco.
  • VEGANO: Le nostre compresse di vitamina sono realizzate esclusivamente con ingredienti non animali, il che le rende ideali per VEGANI e VEGETARIANI. I nostri prodotti sono completamente privi di ingredienti geneticamente modificati e additivi non necessari.
  • MIGLIORE BIODISPONIBILITÀ: Con bioflavonoidi e senza il discusso additivo magnesio di starato (sale di magnesio da acidi grassi) per l’ASSORBIMENTO OTTIMALE DEI PRINCIPI ATTIVI. Molti altri produttori usano lo stearato di magnesio come anti-agglomerante durante la produzione.
  • PRODOTTO DI QUALITÀ: La nostra produzione è in conformità con il sistema HACCP. Lavoriamo a stretto contatto con scienziati ed esperti durante lo sviluppo e la produzione dei nostri prodotti.
  • SODDISFAZIONE GARANTITA: I clienti soddisfatti sono importanti per noi, sentiti libero di contattarci con qualunque domanda riguardo ai nostri prodotti. Compra oggi SENZA RISCHI con la migliore qualità prezzo sul mercato, offriamo un diritto di reso gratuito di 30 giorni.

La vitamina C e la terapia contro il cancro

La vitamina C può aiutare nel trattamento del cancro. Come antiossidante, protegge il corpo dallo stress ossidativo e aiuta a prevenire l’ossidazione di altre molecole. Sembra rigenerare anche altri antiossidanti nel corpo.
Gli studi suggeriscono che la vitamina C può integrare la chemioterapia per i pazienti affetti da cancro.

Le reazioni di ossidazione producono radicali liberi. I radicali liberi possono avviare reazioni a catena che danneggiano le cellule.

Sono state trovate alte dosi di vitamina C per ridurre la velocità di crescita di alcuni tipi di tessuto canceroso. I ricercatori hanno proposto di utilizzare la vitamina C nei pazienti affetti da cancro le cui opzioni di trattamento sono limitate.

Sono necessari ulteriori studi per capire quali tumori potrebbero essere colpiti dalla vitamina C e quali altri trattamenti efficaci possono essere utilizzati in combinazione con la vitamina C, così come gli effetti a lungo termine di questo approccio.

 

Integratore Vitamina C bambini

VITAMINA C Line@Diet | 60 compresse MASTICABILI | gusto ARANCIA | ad ALTO dosaggio | Antiossidante
  • 🍊 Compresse di VITAMINA C MASTICABILI, ad ALTO DOSAGGIO con ben 1000 mg per 2 cpr!
  • 🍊 Massima comodità con le compresse MASTICABILI! Le puoi assumere senza bisogno di acqua come caramelle grazie anche al loro ottimo gusto, ovunque tu sia!
  • 🍊 ACIDO ASCORBICO: è un composto organico con proprietà antiossidanti presente in natura. L’organismo umano non è in grado autonomamente di produrre la Vitamina C, è quindi molto importante assumerne le giuste dosi seguendo una corretta alimentazione.
  • 🍊 Contribuisce a contrastare lo stress ossidativo, a migliorare la salute di pelle, ossa, unghie e capelli, combatte i radicali liberi, le rughe e i segni dell'età e riduce l'affaticamento.
  • 🍊 3 Formati | ⬇ ️Scorri verso il basso la pagina ⬇ per ulteriori curiosità e informazioni!

 

Integratore Vitamina C naturale

PlusVive, vitamina C naturale con bioflavonoidi e matrice disponibile, 180 capsule
  • Alto dosaggio: ogni capsula contiene 162 mg di vitamina C dal frutto di acerola.
  • Formula migliorata: arricchita con quercetina, un potente antiossidante e bioflavonoide naturale e una speciale combinazione di fibre d'orzo, alfalfa, papaina e spirulina per migliorarne la biodisponibilità.
  • Vegan-friendly: il nostro prodotto è 100% vegan e non contiene additivi superflui; inoltre, è senza glutine, lattosio, zuccheri e gelatina.
  • Massima qualità: questo prodotto è sottoposto a test continui per soddisfare gli standard internazionali più rigidi, inclusi HACCP e GMP.
  • Realizzato in Germania in stabilimenti certificati.

 

Integratore Vitamina C lento rilascio

 

Integratore Vitamina C benefici

Alcuni animali possono produrre la propria vitamina C, ma le persone devono ottenere questa vitamina dal cibo e da altre fonti. Buone fonti di vitamina C sono frutta e verdura fresca, soprattutto agrumi. La vitamina C può anche essere fatta in laboratorio.

La maggior parte degli esperti consiglia di assumerela vitamina C da una dieta ad alto contenuto di frutta e verdura piuttosto che assumere integratori. Il succo d’arancia spremuto fresco o il concentrato fresco-congelato è una scelta migliore rispetto al succo d’arancia pronto da bere. Il succo fresco contiene più vitamina C attiva. Bere succo d’arancia fresco-congelato entro una settimana dopo averlo ricostituito per il massimo beneficio. Se preferite il succo d’arancia pronto da bere, acquistatelo 3 o 4 settimane prima della data di scadenza e bevetelo entro una settimana dall’apertura.

Storicamente, la vitamina C è stata usata per prevenire e curare lo scorbuto. Al giorno d’oggi, la vitamina C è usata più spesso per prevenire e trattare il comune raffreddore. Alcune persone la usano per altre infezioni, tra cui malattie delle gengive, acne e altre malattie della pelle, bronchite, virus dell’immunodeficienza umana (HIV), ulcere dello stomaco causate da batteri chiamati Helicobacter pylori, tubercolosi, dissenteria (un’infezione dell’intestino inferiore), e infezioni della pelle che producono bolle (foruncolosi). Viene anche usato per infezioni o infiammazioni della vescica e della prostata, dolori nervosi, complicazioni legate alla gravidanza.

Alcune persone usano la vitamina C per la depressione, problemi di pensiero, demenza, morbo di Alzheimer, stress fisico e mentale, stanchezza tra cui la sindrome da affaticamento cronico (CFS), autismo, disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD), schizofrenia, malattia di Lou Gehrig, e il morbo di Parkinson. Viene anche usato nel trattamento o nella prevenzione della tossicità causata da alcuni farmaci o metalli e nel trattamento di ulcere peptiche, influenza suina, perdita improvvisa dell’udito, gotta e tetano.

Altri usi includono l’aumento dell’assorbimento del ferro dagli alimenti. La vitamina C è anche usata in combinazione con un farmaco chiamato deferoxamina per aumentare la rimozione del ferro dal sangue. Alcune persone usano il ferro per correggere uno squilibrio proteico in alcuni neonati (tirosinemia). Viene anche usato per prevenire il trasferimento dell’HIV dalle madri ai bambini durante l’allattamento. La vitamina C è anche usata per aiutare a ridurre gli effetti collaterali della preparazione dell’intestino.

Si pensa che la vitamina C possa aiutare il cuore e i vasi sanguigni. Viene usata per le malattie cardiache, l’indurimento delle arterie, la prevenzione dei coaguli nelle vene e nelle arterie, l’infarto, l’ictus, l’ipertensione, il colesterolo alto, il battito cardiaco irregolare dopo un intervento chirurgico, la tolleranza ai nitriti, o il flusso di sangue inadeguato che causa il ristagno di sangue nelle gambe. Si pensa anche che la vitamina C può aumentare la guarigione di ustioni, ulcere, fratture e altre ferite. La vitamina C viene anche utilizzata per prevenire il dolore a lungo termine dopo un intervento chirurgico o una lesione.

La vitamina C è anche usato per il glaucoma, prevenire la cataratta, prevenire le malattie della cistifellea, carie e placca dentale, costipazione, malattia di Lyme, perdita della vista legata all’età, aumentando il sistema immunitario, colpo di calore, febbre da fieno e altre condizioni legate all’allergia, asma e asma indotta dall’esercizio fisico, bronchite, fibrosi cistica, malattia falciforme, infertilità, diabete, disturbi del collagene, artrite e altri tipi di infiammazione delle articolazioni, mal di schiena e gonfiore del disco, cancro, osteoporosi e altre condizioni ossee.

Altri usi includono il miglioramento della resistenza fisica e il rallentamento dell’invecchiamento, oltre a contrastare gli effetti collaterali del cortisone e dei farmaci correlati, favorire l’astinenza da droghe nella dipendenza e ridurre gli effetti collaterali della radioterapia.

A volte, le persone mettono vitamina C sulla loro pelle per proteggerla dal sole, dalle sostanze inquinanti e da altri pericoli ambientali. La vitamina C viene anche applicata sulla pelle per aiutare i danni della radioterapia.

Miglior Integratore Vitamina C

Riassumiamo i benefici:
Perdita della vista dovuta all’età (degenerazione maculare dovuta all’età; AMD). L’assunzione di vitamina C, vitamina E, betacarotene e zinco aiuta a prevenire il peggioramento dell’AMD nelle persone ad alto rischio di sviluppare un’AMD avanzata. È troppo presto per sapere se la combinazione aiuta le persone a basso rischio di sviluppare l’AMD avanzata. Inoltre, è troppo presto per sapere se la vitamina C aiuta a prevenire l’AMD.

Diminuizione delle proteine nelle urine (albuminuria). L’assunzione di vitamina C più vitamina E può ridurre le proteine nelle urine nelle persone con diabete.

Battito cardiaco irregolare (fibrillazione atriale). L’assunzione di vitamina C prima e per alcuni giorni dopo un intervento al cuore aiuta a prevenire il battito cardiaco irregolare dopo un intervento al cuore.

Per svuotare il colon prima di una colonscopia. Prima di sottoporsi ad una colonscopia, la persona deve assicurarsi che il suo colon sia vuoto. Questo svuotamento si chiama preparazione intestinale. Alcuni preparativi intestinali prevedono l’assunzione di 4 litri di liquidi medicati. Se la vitamina C è inclusa nel liquido medicato, la persona ha bisogno di bere solo 2 litri. Questo rende le persone più propense a seguire la procedura di svuotamento. Inoltre, si verificano meno effetti collaterali.

Raffreddore comune. C’è qualche controversia sull’efficacia della vitamina C per il trattamento del raffreddore comune. Tuttavia, la maggior parte delle ricerche mostra che l’assunzione di 1-3 grammi di vitamina C potrebbe accorciare il decorso del raffreddore da 1 a 1,5 giorni. L’assunzione di vitamina C non sembra prevenire il raffreddore.

Rossore (eritema) dopo interventi cosmetici sulla pelle. L’uso di una crema per la pelle contenente vitamina C potrebbe diminuire l’arrossamento della pelle a seguito di rifacimento laser per la rimozione di cicatrici e rughe.
Infezioni delle vie aeree superiori causate dall’esercizio fisico pesante. L’uso di vitamina C prima di un esercizio fisico pesante, come una maratona, potrebbe prevenire le infezioni delle vie aeree superiori che possono verificarsi dopo un esercizio fisico pesante.

Peggioramento dell’infiammazione dello stomaco causata da farmaci usati per trattare l’infezione da H. pylori. Alcuni farmaci usati per trattare l’infezione da H. pylori possono peggiorare l’infiammazione dello stomaco. L’assunzione di vitamina C insieme a uno di questi farmaci chiamati omeprazolo potrebbe diminuire questo effetto collaterale.

Ripartizione anormale dei globuli rossi (anemia emolitica). L’assunzione di integratori di vitamina C potrebbe aiutare a gestire l’anemia nelle persone sotto dialisi.

Alta pressione sanguigna. L’assunzione di vitamina C insieme alla medicina per abbassare la pressione sanguigna aiuta ad abbassare la pressione sanguigna sistolica di una piccola quantità. Ma non sembra abbassare la pressione diastolica . L’assunzione di vitamina C non sembra abbassare la pressione sanguigna quando viene assunto senza medicine per abbassare la pressione sanguigna.

Avvelenamento da piombo. Il consumo di vitamina C nella dieta sembra abbassare i livelli di piombo nel sangue.
I farmaci utilizzati per il dolore al petto funzionano più a lungo. In alcune persone che assumono farmaci per il dolore al petto, il corpo sviluppa la tolleranza e i farmaci smettono di funzionare. L’assunzione di vitamina C sembra aiutare questi farmaci, come la nitroglicerina, a lavorare più a lungo.

Osteoartrite. L’assunzione di vitamina C da fonti alimentari o da integratori di ascorbato di calcio sembra prevenire la perdita di cartilagine e il peggioramento dei sintomi nelle persone affette da osteoartrite.

Prestazioni fisiche. Mangiare più vitamina C come parte della dieta potrebbe migliorare le prestazioni fisiche e la forza muscolare nelle persone anziane. Inoltre, l’assunzione di integratori di vitamina C potrebbe migliorare l’apporto di ossigeno durante l’esercizio fisico nei ragazzi adolescenti.

Scottature. L’assunzione di vitamina C per bocca o l’applicazione sulla pelle insieme alla vitamina E potrebbe prevenire le scottature. Ma l’assunzione di vitamina C da sola non previene le scottature.
Pelle rugosa. Le creme per la pelle contenenti vitamina C sembrano migliorare l’aspetto della pelle rugosa.

Febbre da fieno (rinite allergica). L’uso di spray nasale contenente vitamina C sembra migliorare i sintomi nasali nelle persone con allergie che durano tutto l’anno. L’assunzione di vitamina C per bocca potrebbe bloccare l’istamina nelle persone con allergie stagionali. Ma i risultati sono contrastanti.

Il morbo di Alzheimer. L’aumento dell’assunzione di vitamina C dal cibo è legato ad un ridotto rischio di malattia di Alzheimer.

Danni allo stomaco causati dall’aspirina. L’assunzione di vitamina C potrebbe prevenire i danni allo stomaco causati dall’aspirina.

Disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD). L’assunzione di alte dosi di vitamine, compresa la vitamina C, non sembra ridurre i sintomi dell’ADHD. Ma l’assunzione di dosi più basse di vitamina C insieme con l’olio di semi di lino potrebbe migliorare alcuni sintomi, come l’irrequietezza e l’autocontrollo.

Autismo. Le prime ricerche mostrano che l’assunzione di vitamina C potrebbe ridurre la gravità dei sintomi dell’autismo nei bambini.

Cancro al seno. È troppo presto per sapere se una maggiore assunzione di vitamina C dal cibo aiuta a prevenire lo sviluppo del cancro al seno. Ma una maggiore assunzione di vitamina C dal cibo sembra essere legata ad un ridotto rischio di morte nelle persone con diagnosi di cancro al seno. Inoltre, l’assunzione di integratori di vitamina C dopo la diagnosi di cancro al seno sembra aiutare a ridurre il rischio di morire di cancro al seno.

Ustioni. Le prime ricerche suggeriscono che ricevere un’infusione di vitamina C entro le prime 24 ore di ustioni gravi riduce il gonfiore della ferita.

Cancro. Una maggiore assunzione di vitamina C dal cibo è legata ad un minore rischio di sviluppare il cancro. Ma l’assunzione di integratori di vitamina C non sembra prevenire il cancro. Nelle persone con diagnosi di cancro avanzato, l’assunzione di grandi dosi (10 grammi) di vitamina C per bocca non sembra migliorare la sopravvivenza o impedire che il cancro peggiori. Ma dosi elevate di vitamina C potrebbero aumentare la sopravvivenza se somministrate per via endovenosa.

Indurimento delle arterie dopo il trapianto di cuore. Le prime ricerche dimostrano che l’assunzione di vitamina C e vitamina E per un anno dopo un trapianto di cuore aiuta a prevenire l’indurimento delle arterie.

Malattie cardiache. La ricerca sull’uso della vitamina C per le malattie cardiache è controversa. Sono necessarie ulteriori ricerche sull’uso di integratori di vitamina C per prevenire le malattie cardiache. Ma l’aumento dell’assunzione di vitamina C dal cibo potrebbe fornire qualche beneficio.

Cataratta. Le prime ricerche dimostrano che le persone che assumono integratori contenenti vitamina C per 10 anni hanno un rischio minore di sviluppare la cataratta. Ma l’assunzione di integratori contenenti vitamina C per un periodo di tempo inferiore non sembra essere d’aiuto.

Cancro della cervice uterina. Alcune ricerche iniziali suggeriscono che l’assunzione di vitamina C riduce il rischio di cancro della cervice uterina.

Effetti collaterali della chemioterapia. Le prime ricerche suggeriscono che una maggiore assunzione di vitamina C dal cibo è legata a minori effetti collaterali della chemioterapia nei bambini in trattamento per la leucemia.

.
Dolore a lungo termine dopo un intervento chirurgico o una lesione. Alcune ricerche mostrano che l’assunzione di integratori di vitamina C potrebbe aiutare a prevenire il dolore a lungo termine dopo un intervento chirurgico o una lesione.

Placca dentale. La gomma da masticare contenente vitamina C sembra ridurre la placca dentale.

Depressione. Le prime ricerche mostrano che l’assunzione di vitamina C insieme al farmaco antidepressivo fluoxetina riduce i sintomi della depressione nei bambini meglio della fluoxetina da sola.

Il diabete. L’assunzione di integratori di vitamina C potrebbe migliorare il controllo degli zuccheri nel sangue nelle persone con diabete. Ma i risultati sono contrastanti. Un maggiore apporto di vitamina C dal cibo non è legato ad un minor rischio di sviluppare il diabete.

Cancro che inizia nell’utero (cancro dell’endometrio). Maggiore assunzione di vitamina C dal cibo potrebbe essere collegato con un minor rischio di cancro all’endometrio. Ma esistono risultati contrastanti.

Cancro esofageo. L’assunzione di vitamina C insieme a beta-carotene più vitamina E non riduce il rischio di sviluppare il cancro all’esofago. Ma una maggiore assunzione di vitamina C dal cibo è collegata con un minor rischio di cancro all’esofago.

Asma causato dall’esercizio fisico. L’assunzione di vitamina C potrebbe prevenire l’asma causata dall’esercizio fisico.

Malattia della cistifellea. L’assunzione di vitamina C potrebbe aiutare a prevenire le malattie della cistifellea nelle donne ma non negli uomini.

Cancro allo stomaco. Una maggiore assunzione di vitamina C dal cibo non è legata ad un minor rischio di cancro allo stomaco nella maggior parte delle ricerche. Inoltre, l’assunzione di vitamina C insieme ad altri antiossidanti non sembra prevenire il cancro allo stomaco. Ma l’assunzione di integratori di vitamina C potrebbe prevenire le piaghe precancerose nello stomaco da progredire al cancro nelle persone ad alto rischio. Questo include le persone precedentemente trattate per l’infezione da H. pylori.

HIV/AIDS. L’assunzione di alte o basse dosi di vitamina C insieme ad altri antiossidanti non riduce la quantità di HIV nel sangue delle persone con HIV/AIDS.

Trasmissione dell’HIV. L’assunzione di vitamina C insieme alla vitamina B e alla vitamina E durante la gravidanza e l’allattamento sembra ridurre il rischio di trasmissione dell’HIV al bambino.

Colesterolo alto. L’assunzione di vitamina C non sembra abbassare il colesterolo nelle persone con livelli di colesterolo normali. Ma l’assunzione di vitamina C potrebbe ridurre il colesterolo a bassa densità di lipoproteine (LDL o “cattivo”) nelle persone con colesterolo alto.

Alti livelli di fosfato. Le persone con malattie renali che sono sotto dialisi spesso hanno livelli elevati di fosfati nel sangue. Dare vitamina C per via endovenosa sembra ridurre i livelli di fosfati in queste persone.

Perdita improvvisa dell’udito. Le prime ricerche dimostrano che la vitamina C può migliorare l’udito nelle persone con perdita improvvisa dell’udito quando viene utilizzata con la terapia steroidea.

Infertilità. Ci sono prove precoci che le donne con alcuni problemi di fertilità potrebbero trarre beneficio dall’assunzione giornaliera di vitamina C.

Stress mentale. Le prime ricerche suggeriscono che la vitamina C potrebbe ridurre la pressione sanguigna e i sintomi durante i periodi di stress mentale.

Malattie del fegato (steatoepatite non alcolica; NASH). L’assunzione di vitamina C insieme alla vitamina E potrebbe ridurre le cicatrici del fegato nelle persone con un tipo di malattia epatica chiamata steatoepatite non alcolica. Ma non sembra diminuire il gonfiore del fegato.

Cancro che colpisce i globuli bianchi (linfoma non Hodgkin). Una maggiore assunzione di vitamina C da cibi o integratori è legata ad un minor rischio di sviluppare un linfoma non Hodgkin nelle donne in post-menopausa.

Osteoporosi. Alcune ricerche dimostrano che la vitamina C potrebbe migliorare la forza delle ossa. Ma livelli più alti di vitamina C nel sangue nelle donne in postmenopausa sono stati collegati alla minore densità minerale ossea. Sono necessarie maggiori informazioni sugli effetti della vitamina C sulla densità minerale ossea.

Cancro alla bocca. Un maggiore apporto di vitamina C dal cibo è legato a un minore rischio di cancro alla bocca.

Cancro alle ovaie. Un maggiore apporto di vitamina C dal cibo non è collegato ad un minore rischio di cancro alle ovaie.

Morbo di Parkinson. Un maggiore apporto di vitamina C dal cibo non è legato a un minore rischio di morbo di Parkinson.

Scarsa circolazione che riduce l’afflusso di sangue agli arti. Un maggiore apporto di vitamina C dal cibo è legato a un minore rischio di sviluppare una cattiva circolazione nelle donne ma non negli uomini.

Dolore dopo un intervento chirurgico. L’assunzione di vitamina C un’ora dopo l’anestesia riduce il bisogno di morfina dopo l’intervento. Questo suggerisce che potrebbe ridurre il dolore. Ma la vitamina C non sembra migliorare la soddisfazione o la necessità di utilizzare il farmaco antidolorifico paracetamolo.

Polmonite. Alcune ricerche suggeriscono che la vitamina C potrebbe ridurre il rischio di polmonite, così come la durata della polmonite una volta che si sviluppa. Questo effetto sembra più grande in quelli con bassi livelli di vitamina C prima del trattamento. Non è chiaro se la vitamina C sia benefica nelle persone con livelli di vitamina C normali.

Rottura del sacco amniotico prima dell’inizio del travaglio (rottura prematura delle membrane; PROM). L’assunzione di vitamina C più vitamina E a partire dal secondo o terzo trimestre e continuando fino al parto sembra aiutare a prevenire la rottura del sacco amniotico troppo presto.

Piaghe da decubito (ulcere da decubito). Alcune ricerche suggeriscono che l’assunzione di vitamina C non migliora la guarigione delle ferite nelle persone con ulcere da pressione. Ma altre ricerche dimostrano che l’assunzione di vitamina C riduce la dimensione delle ulcere da pressione.

Sindrome delle gambe senza riposo. L’assunzione di vitamina C da sola o in combinazione con la vitamina E sembra ridurre la gravità della sindrome delle gambe senza riposo nelle persone sottoposte a emodialisi. Ma non si sa se la vitamina C sia benefica nelle persone con la sindrome delle gambe senza riposo che non è correlata all’emodialisi.

Malattia falciforme. L’assunzione di vitamina C con l’estratto di aglio invecchiato e vitamina E potrebbe essere di beneficio per le persone con malattia falciforme.

Ictus. Un maggiore apporto di vitamina C dal cibo sembra essere collegato ad un ridotto rischio di ictus. Ma esistono risultati contrastanti. L’assunzione di integratori di vitamina C non sembra essere collegata ad un rischio ridotto di ictus.

Infezione batterica nel sistema nervoso (tetano). L’assunzione di vitamina C insieme al trattamento convenzionale sembra ridurre il rischio di morte nei bambini affetti da tetano.

Miglior Integratore Vitamina C

Vitamina C quando assumerla

Come per la maggior parte degli integratori, quando e come si prende la vitamina C influenza la sua efficacia.

“Poiché la vitamina C è solubile in acqua, non ha bisogno di grassi per essere completamente assorbita e utilizzata dal corpo”. Quindi, anche se tecnicamente non è necessario assumere la vitamina C con il cibo, molti prodotti consigliano di farlo. L’assunzione di vitamina C (soprattutto a dosi più elevate) a stomaco vuoto può causare una lieve irritazione del tratto gastrointestinale. Le persone con stomaco sensibile possono anche avere crampi, gas o diarrea.

Prendete la vitamina C ogni volta che vi ricorderete di farlo. “Per la maggior parte delle persone  al mattino con la colazione”. Tuttavia, poiché la vitamina C non ti renderà stordito o extra-energetico, puoi prenderla con il pranzo, uno spuntino pomeridiano o una cena.

Vitamina C sport ed allenamento

Tuttavia, c’è un avvertimento da tenere a mente: “Alcune ricerche suggeriscono che l’assunzione di vitamina C dopo gli allenamenti può in realtà negare la loro efficacia”.

Perché? La vitamina C, soprattutto in dosi elevate, può ostacolare l’infiammazione che si verifica nelle cellule muscolari durante e dopo un allenamento intenso. Mentre noi di solito etichettiamo l’infiammazione come ‘cattiva’, i nostri muscoli hanno bisogno di questa infiammazione legata all’esercizio fisico per adattarsi e crescere.

Infatti, gli autori di un grande studio hanno scoperto che l’integrazione di vitamina C ha avuto un impatto negativo sull’efficienza della formazione. Hanno esortato alla cautela quando si combinano gli integratori antiossidanti con l’esercizio fisico – in particolare l’esercizio di resistenza.

Anche se questi studi hanno preso in considerazione una dose più alta di C (1.000 milligrammi), gli atleti agonisti e gli appassionati di fitness dovrebbero comunque fare attenzione a spaziare gli allenamenti e qualsiasi integratore di vitamina C, per essere sicuri. “Di solito suggerisco alle persone di aspettare almeno sei ore dopo l’allenamento per prendere qualsiasi integratore di vitamina C o altri antiossidanti.

 

Vitamina C dosaggio consigliato

EtàMFGravidanzaAllattamento
0–6 mesi40 mg*40 mg*
7–12 mesi50 mg*50 mg*
1–3 anni15 mg15 mg
4–8 anni25 mg25 mg
9–13 anni45 mg45 mg
14–18 anni75 mg65 mg80 mg115 mg
19+ anni90 mg75 mg85 mg120 mg

 

Secondo il National Health and Nutrition Examination Survey (NHANES) del 2001-2002, l’assunzione media di vitamina C è di 105,2 mg/giorno per i maschi adulti e 83,6 mg/giorno per le femmine adulte, rispettando la RDA attualmente stabilita per la maggior parte degli adulti non fumatori. Le assunzioni medie per bambini e adolescenti di età compresa tra 1 e 18 anni vanno da 75,6 mg/giorno a 100 mg/giorno, rispettando anche la RDA per queste fasce d’età . Sebbene l’analisi NHANES 2001-2002 non abbia incluso dati per i neonati allattati al seno e i bambini piccoli, il latte materno è considerato una fonte adeguata di vitamina C. Anche l’uso di integratori contenenti vitamina C è relativamente comune, che si aggiunge all’assunzione totale di vitamina C da cibi e bevande. I dati NHANES del 1999-2000 indicano che circa il 35% degli adulti assume integratori multivitaminici (che tipicamente contengono vitamina C) e il 12% assume un supplemento separato di vitamina C .

Gravidanza e allattamento: età 18 o più giovane, 115 mg; età da 19 a 50 anni 120 mg. Le persone che fanno uso di tabacco dovrebbero assumerne altri 35 mg al giorno. Non assumere più delle seguenti quantità di vitamina C: 1800 mg al giorno per gli adolescenti e le donne in gravidanza e allattamento dai 14 ai 18 anni, e 2000 mg al giorno per gli adulti e le donne in gravidanza e allattamento.

Dose per la carenza di vitamina C: 100-250 mg una o due volte al giorno per diversi giorni per lo scorbuto.

Dose per migliorare l’assorbimento del ferro: 200 mg di vitamina C per 30 mg di ferro.

Dose per degenerazione maculare legata all’età; AMD: 500 mg di vitamina C, 400 UI di vitamina E e 15 mg di betacarotene, con o senza 80 mg di zinco, al giorno per un massimo di 10 anni.

Dose per il trattamento del comune raffreddore: 1-3 grammi al giorno.

Dose per rallentare la progressione dell’indurimento delle arterie: 250 mg di vitamina C a lento rilascio in combinazione con 91 mg (136 UI) di vitamina E due volte al giorno per un massimo di 6 anni. Sono stati utilizzati anche 500 mg di vitamina C più 400 UI di vitamina E due volte al giorno per un anno.

Dose per ridurre le proteine nelle urine dei pazienti con diabete di tipo 2: sono stati utilizzati 1250 mg di vitamina C con 680 UI di vitamina E al giorno per 4 settimane.

Dose per prevenire il battito cardiaco irregolare dopo un intervento chirurgico al cuore: 1-2 grammi di vitamina C al giorno per 1-3 giorni prima dell’intervento al cuore, seguiti da 1-2 grammi in due dosi divise al giorno per 4-5 giorni dopo l’intervento.

Dose per le infezioni respiratorie dovute all’esercizio fisico: da 600 mg a 1 grammo di vitamina C al giorno per 3-8 settimane prima dell’esercizio fisico pesante.

Dose per l’ipertensione: sono stati utilizzati 500 mg di vitamina C al giorno insieme a farmaci per abbassare la pressione sanguigna.

Dose per l’osteoartrite: è stato usato 1 grammo di vitamina C sotto forma di ascorbato di calcio al giorno per 2 settimane.

Dose per prevenire le scottature: 2 grammi di vitamina C insieme a 1000 UI di vitamina E presi prima dell’esposizione al sole.

 

 

Come si misura il livello di vitamina C?

Lo stato della vitamina C è tipicamente valutato misurando i livelli di vitamina C nel plasma . Altre misure, come la concentrazione di vitamina C leucocitaria, potrebbero essere indicatori più accurati dei livelli di vitamina C nei tessuti, ma sono più difficili da valutare e i risultati non sono sempre affidabili

 

Come si assorbe la vitamina C?

Alcune cose possono effettivamente interferire con l’assorbimento, la caffeina e la nicotina sono due dei maggiori colpevoli. Vi raccomandiamo di smettere di fumare, ma se il solo pensiero di saltare la vostra tazza di caffè mattutina vi fa venire il nervosismo, vi invitiamo a ridurre semplicemente l’assunzione di caffeina.
Una tazza di caffè con caffeina non dà alcun segno di interferenza con l’assorbimento della vitamina C
Per massimizzare l’assorbimento del ferro non eme (quello proveniente da fonti vegetali) si consiglia vivamente di abbinare le vostre piante con un po’ di vitamina C, in quanto la vitamina C migliora l’assorbimento del ferro. La prossima volta che state per immergervi in una deliziosa insalata di spinaci, non dimenticate di versarci sopra un po’ di lime o succo di limone.

Perché la vitamina C liposomiale?

Solo circa il 18% della vitamina C che otteniamo dal cibo è disponibile nel nostro flusso sanguigno, e la quantità di vitamina C che otteniamo dalla capsula normale o da integratori in polvere è spesso molto meno. Si può prendere sempre più regolare vitamina C nel tentativo di ottimizzare i loro livelli, ma questo può portare rapidamente a problemi digestivi come disturbi di stomaco e diarrea.

Le formulazioni liposomiche contrastano queste complicazioni aumentando l’assorbimento.

Ultimo aggiornamento 2020-10-21 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API

Lascia un commento